Buon Natale da Inkblot! Intervista all’attrice Francesca Flora

Mi chiede se può darmi del tu. Lei, personalità da vendere, occhi da femme fatale ed un curriculum da fare invidia ai più grandi, diviso tra teatro, piccolo schermo e grandi produzioni come il film “La banda dei tre” di Francesco Maria Domenidò, tratto dal romanzo di Carlo Calligari di cui vi abbiamo già parlato mesi fa, al cinema la prossima primavera, di cui è coprotagonista con Marco Bocci, Francesco Pannofino e Carlo Buccirosso.  Spiazzante, no? Poi ricordi in che periodo dell’anno siamo, ed allora oltre a ringraziare la giovane interprete  Francesca Flora per la spiritosa intervista concessa, capisci che Babbo Natale ci  ha messo del suo. Godetevi quest’intervista, questo è il mio regalo di Natale!

Candido Marinelli : – Grazie mille per aver accettato il mio invito. Qui su inkblot amiamo le storie, ti andrebbe di raccontarci un po’ la tua? Quello di fare l’attrice è un sogno che coltivi sin da bambina ?
Francesca Flora:- Intanto grazie a voi e buongiorno! Si, sin da piccola amavo ballare e recitare, insomma mettermi sotto i riflettori. Ho fatto molta danza da quando avevo 4 anni e ricordo ogni singola volta che salivo su un palco. La maggior parte delle bambine andavano in panico, io mi accendevo.

C.M:- Nel tuo curriculum c’è l’accademia, ma anche lezioni di canto, vari workshop e chi più ne ha più ne metta. Quindi non basta fare i simpatici su youtube per ambire alla carriera d’attore/attrice? Ovviamente, la mia è ironia, ci racconti i sacrifici e le rinunce della tua formazione? Quale consiglio ti senti di dare a chi sogna la tua professione?
F.G : – Esatto. Questo è un mestiere nel quale non ci si può improvvisare. Certo, un talento naturale aiuta e deve stare alla base, ma poi questo va coltivato. In America mi ripetevano spesso: tutti hanno talento solo chi lo esalta con la dedizione, la passione e lo studio va avanti.
I sacrifici sono tanti ma se davvero questo è il tuo sogno affronti tutto senza lamentele o arrese improvvise. Se è solo un’idea invece, non si va da nessuna parte.

C.M: – Nel tuo curriculum ci sono esperienze teatrali, ma anche fiction per il piccolo schermo e il cinema, ma su quale palco ti senti più a tuo agio?
F.F. :- Io ho studiato sempre pensando “li ci sta la macchina da presa” quindi diciamo che sul set mi sento più a casa mia. Ma avendo fatto danza e avendo comunque coltivato parallelamente anche il teatro, non posso dire che quest’ultimo è un mondo a me sconosciuto. Se mi chiedi dove sto più a mio agio è il set, ma solo per un semplice fattore che si chiama “avere più esperienza”. Ma siccome amo le sfide credo che presto vorrò cimentarmi, studiando tanto prima, in un bel testo teatrale.

C.M:- Ok, bando alle ciance, mi racconti un po’ di “La banda dei tre” ? Guarda che chi , come me , ha amato il libro di Carlo Callegari, ha aspettative altissime! Poi , il tuo personaggio, Patrizia, ha mille sfaccettature … Dai, so che non può “spoilerarci” nulla, ma puoi fare un regalo di Natale molto gradito, raccontando ai lettori di Inkblot qualche tuo ricordo sul set, vuoi farti sfuggire questa occasione?
F.F : – Aspettavo da te questa domanda (ride). Patrizia è una donna che nonostante la vita non sia andata come aveva sperato, non molla. Continua a credere nell’amore vero, nella seconda possibilità. Anche se di primo impatto può sembrare cinica e scontrosa, dentro ha un mondo velato dalla sua malinconia,ha un cuore grande così. Ne vedrete delle belle …
Di ricordi sul set ne ho tantissimi, ma quello che più mi è rimasto è il senso di famiglia, “di banda” che si era creato tra tutti noi. Alcuni di noi attori già avevano lavorato insieme o comunque ci conoscevamo. Ogni giorno sul set è stato fantastico. Merito anche del regista Francesco Maria Dominedò, che ha saputo dare a tutti la sensazione di essere in famiglia. Personalmente mi sono trovata molto bene a recitare sia con Alessandro Cremona, che interpreta mio marito (seppur per una scena sola, ma molto intensa) e sia con Marco Bocci. Marco non lo conoscevo personalmente, anche professionalmente ad essere sincera, siccome vedo poca televisione. Lo avevo visto solo anni fa nelle vesti di Scialoja e in qualche ruolo al cinema.  Così come ho detto a lui lo ripeto a voi: è stato una piacevole sorpresa. Una persona che si mette in gioco in tutto (capelli compresi – ride ) umile e disponibilissima. Spero che il clima che c’era sul set possa emergere dalla nostre interpretazioni. Vedrete che intesa tra Bambola e Patrizia… 

C.M: – Per concludere due domande. Una è la classica da fine intervista: progetti per il futuro? L’altra è a tema con il periodo: c’è un film di Natale, quelli classici che abbiamo visto un po’ tutti, che avresti voluto interpretare? Perché? Grazie e auguri di buone feste!
F.F. :- Progetti futuri ci sono. Ho girato un pilota di una serie “la metà sbagliata della mela” per la regia di Michele Picchi e Valentina Fratini. Con me ci sono Vinicio Marchioni (il mio fidanzato), Simona Tabasco ed Angelica Leo (le mie sorelle), Antonio Conte ed Imma Piro (i nostri genitori), Giorgio Pasotti, Alessandro Tiberi, Sarah Maestri e molti altri.Speriamo che con l’anno nuovo, riescano a pianificare l’intera serie. Poi ho due progetti cinema, ma sai come funziona no? Sono in parte sangue napoletano e per scaramanzia non ti dico nulla.
Riguardo al film di Natale, guarda su due piedi, non saprei dirti. L’unico italiano che ho visto è “Il più grande sogno” di Vannucci con Alessandro Borghi e Mirko Frezza , due amici e Mirko è anche uno dei cattivi della nostra banda dei tre. Ecco si, forse avrei voluto far parte di un film come quello. Vero, indipendente e di cuore.Intanto godiamoci l’attesa per l’uscita della Banda dei Tre al cinema. Credo prossima primavera.
Ciao e auguri anche a voi!!

 

Ancora Buon Natale da Inkblot! 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

2 pensieri su “Buon Natale da Inkblot! Intervista all’attrice Francesca Flora”

  1. Bene il cinema italiano ha bisogno di questi nuovi e coraggiosi ,ed anche preparati, talenti! So che lo andrò a vedere di sicuro! Il libro è stato stupendo…….e il regista è una garanzia. Trovo molto carismatica questa giovane attrice, si sente il suo amore per quello che fa! Grazie per aver avuto l’opportunità di conoscerla bene!

    1. Non posso che darti ragione su tutta la linea. Sono anch’io molto curioso di vedere il film in sala! Grazie a te per la visita e auguri di Buone Feste!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *