Il favoloso mondo di Bea. Intervista a Beatrice Quivelli

Beatrice QuivelliIl venticinque dicembre del millenovecentonovantasei, precisamente alle sette , ventotto minuti e trentadue secondi, una mamma scalza per non fare rumore, sta per mettere in scena la magia del Natale per le sue bambine. Prima di posizionarli ben in vista sotto l’albero addobbato, sistema il fiocco rosso dei due pacchi, come se da quel dettaglio dipendesse la riuscita della messa in scena. Nello stesso momento, una delle sue figlie, dorme nascosta dietro il divano. Ha fallito nel suo intento, avrebbe dovuto tenere sotto controllo il camino, erano giorni che si preparava a questo momento. Tutta colpa di un disegno, un suo disegno. Eppure ci ha provato, tra le risate generali, a spiegare alla maestra con gli occhialoni e ai suoi compagni di classe, che Babbo Natale non può vestirsi di rosso ogni anno. Anche il bimbo con le lentiggini, quello che i colori a cera preferisce mangiarli, ha riso di lei e del suo Babbo Natale in elegante tuta blu. Stupido,ridi pure. Babbo Natale mi darà ragione. 25 dicembre 1996, il destino della quasi seienne Beatrice Quivelli si ribalterà. Ma per il momento lei non ne sa nulla. Ho sempre voluto fare questo . Accarezza una delle sue creazione su un manichino, dandomiBeatrice Quivelli le spalle, come se fosse stato lui a porgli la domanda e non io. “Salvo una brave parentesi in cui decisi di voler fare la paleontologa e l’avvocato. Poi mi regalarono “gira la moda” ed è in quel momento che è cominciato tutto.” Per la prima volta da quando è iniziata l’ intervista, Beatrice sorride, azzerando le  domande che avevo preparato per lei. Qualche intervista nella mia vita ho avuto modo di farla, ma questa volta procedo a tentoni, non sapendo davvero cosa chiederle. Pensavo di incontrare la “Andy” di “Il diavolo veste Prada” , è stato spiazzante accorgermi che invece avevo dinanzi una sognatrice degna di “Amélie”.Mi stai visualizzando?? Bambina piccina con gli occhioni grandi, le mani sporche di colori, sommersa dai fogli, che pastrocchia con quel giochino e sogna.. i sogni sono rimasti gli stessi, sto solo cercando di farli diventare sempre più reali.” Sembra che abbia superato la diffidenza iniziale nei miei confronti. Per fortuna, 44411_637720902916639_1797792811_nalmeno non ho l’ansia di porle domande sensate. “La bellezza nella moda è nell’attenzione al dettaglio, al particolare, è nella ricerca costante della perfezione che, come sempre, è inafferrabile. Non sempre coincide con l’originalità, per me la moda non è quello, anche perché ormai è stato creato così tanto .Piuttosto preferisco l’equilibrio, la semplicità, la femminilità. La bellezza di un abito la si percepisce anche attraverso gli occhi della donna che lo indossa, deve riuscire a farla sentire bellissima come una regina delle fiabe.” Una ragazza chiede informazioni sul costo di una collana, Beatrice si allontana per pochi istanti. Torna e riprende il filo del discorso come se nulla fosse successo. “Faccio tutto questo perché ne ho bisogno, sento che ho qualcosa dentro e voglio semplicemente tirarlo fuori . La cosa che più mi piace è che la mia mente non si ferma mai, non c’è mai un momento in cui stacco, le idee possono venirmi continuamente e mentre faccio qualsiasi altra cosa. La moda che si consuma nel giro di1557559_857712650957973_7675094706163320321_n qualche mese, non è la mia aspirazione. La moda circonda tutti, anche quelli che la fanno.” Beatrice ora sembra danzare in uno dei suoi costumi di scena. “Sarebbe impossibile non essere condizionati dalle tendenze del momento ,niente nasce dal nulla. Cerco di creare seguendo il mio istinto,  nulla di stravagante o eccessivo. Niente che io non metterei.” Già. Niente che io non scriverei. Storie come quelle di Bea, si ha poche volte nella vita, la fortuna di ascoltare.” Non vedo l’ora di scrivere di te, riuscirò a farti amare da tutti”. Provo a metterla in imbarazzo. Ma lei ha grandi occhi liquidi, impossibile da tenere bassi. “Ma questo lo fanno già !” Sorride.

Come darle torto?

Volete anche voi entrare nel “Favoloso mondo di Bea” ? Seguite la sua pagina Facebook BQ Beatrice Quivelli .

Beatrice Quivelli

.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *