Alcatraz : tutto ciò che dovresti sapere tra mito e leggenda.

Alcatraz (Inkblot)Il silenzio è così acuto che sembra assumere  una consistenza solida, eppure sono in centinaia i turisti che ogni giorno si imbarcano dal Pier 33, unico modo possibile per raggiungere l’ Alcatraz. Nel tour non si è mai soli, ma vi sarà impossibile udire un rumore che non sia lo scalpiccio dei vostri passi. Appena messo piede sul molo, si ha la sensazione di essere prigionieri dell’Alcatraz e della sua storia. Una Continua la lettura di Alcatraz : tutto ciò che dovresti sapere tra mito e leggenda.

Viaggiare in poltrona. I miei #TravelDreams2015 scoperti nei libri

#TravelDreams2015 InkblotCredo di aver preso tutto , ma mentre “macchio” il mio foglio di carta per voi, do un’ultima occhiata alla valigia.  Sto per partire, il primo viaggio dell’anno. Sparirò per un po’, chi mi conosce sa che sarà  impossibile rintracciarmi. Ormai non ci provano neanche a cercarmi, ci vediamo al ritorno con i miei racconti. L’esperienza mi ha insegnato a viaggiare leggero, con gli anni il bagaglio è diventato Continua la lettura di Viaggiare in poltrona. I miei #TravelDreams2015 scoperti nei libri

“Un anno senza inverno” . Un paradiso inutile.

Inkblot non è nato per essere un blog, non è questo il mio obiettivo. Mi piacerebbe mettere alla prova la mia penna, mi auguro che  nel prossimo anno, me ne diate la possibilità. Perché è inutile scrivere senza lettori. Non scrivo poesie, forse per una forma di rispetto. Ma quest’anno mi è capitato di arrivare secondo ad un concorso letterario: L’amore è un cane venuto dall’inferno” ,contest letterario dedicato a Charles Bukowski,  organizzato dalla libreria Stilelibero di Foggia (a cui va il mio grosso in bocca al lupo per la nuova scelta di vita) che aveva come giudice il noto scrittore e poeta Davide Rondoni. Sicuramente una delle soddisfazioni più grandi di questo 2014.  Le immagine correlate, sono opera di una giovane artista di grande talento. Folle come solo i grandi artisti sanno esserlo : Elena Pez.

 

Un anno senza inverno - Inkblot Continua la lettura di “Un anno senza inverno” . Un paradiso inutile.

S.O.S fantasmi di Richard Donner. Se Dickens fosse vissuto negli anni ’80…

Programmi per questo Natale? Aspettate, è una domanda retorica.  Se c’è una cosa a cui proprio non riesco a rinunciare nei miei pigri festeggiamenti  , sono i film natalizi  . Non sto parlando dei cinepanettoni, solo per averci pensato ti chiedo di uscire da questa pagina. Parlo di quelle pellicole che negli anni sono diventati quasi di famiglia. C’erano ai primi brindisi con l’aranciata, ti hanno fatto credere a Babbo Natale  anche quando era tuo zio magrissimo a Continua la lettura di S.O.S fantasmi di Richard Donner. Se Dickens fosse vissuto negli anni ’80…

Cinque libri per passare indenni le festività natalizie

http://inkblot.it/cinque-libri-per-passare-indenni-le-festivita-natalizie=133Dopo averlo rigirato tra le mani per un tempo indefinito, la nonna  si decide ad annunciare il primo bussolotto estratto: ” – 77 , le gambe delle signorine! ” Come un attore di lungo corso, ora tocca allo zio la prossima battuta : “Ambo!” Da anni  così, forse da bambino ci hai anche riso, facendo l’errore più grave di tutta la tua vita. Sono mesi che non vedevi il tuo migliore amico, cinque per l’esattezza, Continua la lettura di Cinque libri per passare indenni le festività natalizie

La Legge di Fonzi di Omar Di Monopoli. Dimenticate la Puglia da cartolina

omar-di-monopoli Inkblot

Ieri ho visto Giovanni, detto Fonzi.Non ho dubbi che fosse lui il vagabondo in giro per il mio paese.Si trascinava con il suo passo regolare, non curante né della pioggia né del boa strombazzante e imprecante di auto creatosi alle sue spalle.Ovviamente c’era anche Bleacki con il suo capoccione arruffato, gli stava alle costole fiaccamente, senza mollarlo mai. Avrei dovuto dar loro un passaggio. Continua la lettura di La Legge di Fonzi di Omar Di Monopoli. Dimenticate la Puglia da cartolina

Bad City Blues di Tim Willocks, l’inferno non è poi così lontano.

Non so come tu sia finito qui, ma credo che sia mio dovere avvisarti che continuando a leggere questo post ti ritroverai all’inferno. Non credere di avere scampo una volta dentro. Attenzione : l’inferno in questione non è né il mio né tantomeno il tuo. Quello non ci è dato conoscere, avremo modo di pagare le nostre colpe… prima o poi… Ora ti chiedo, perché continuare a leggere? Continua la lettura di Bad City Blues di Tim Willocks, l’inferno non è poi così lontano.

What do you see?